Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Libri’ Category

“Il reste à parler d’un état de l’âme qui, ce nous semble, n’a pas encore été bien observé : c’est celui qui précède le développement des passions, lorsque nos facultés, jeunes, actives, entières, mais renfermées, ne se sont exercées que sur elles-mêmes, sans but et sans objet. Plus les peuples avancent en civilisation, plus cet état du vague des passions augmente, car il arrive alors une chose fort triste – le grand nombre d’exemples qu’on a sous les yeux, la multitude de livres qui traitent de l’homme et de ses sentiments rendent habile sans expérience. On est détrompé sans avoir joui, il reste encore des désirs, et l’on n’a plus d’illusions. L’imagination est riche, abondante et merveilleuse; l’existence pauvre, sèche et désenchantée. On habite avec un cœur plein un monde vide, et sans avoir usé de rien, on est désabusé de tout. L’amertume que cet état de l’âme répand sur la vie est incroyable, le cœur se retourne et se replie en cent manières pour employer des forces qu’il sent lui être inutiles…”

“Ci rimane da parlare di uno stato d’animo che, a quanto pare, non è stato ancora ben analizzato: è quello che precede lo sviluppo delle passioni, quando le nostre facoltà, giovani, attive, intere ma bloccate, non si sono esercitate che su esse stesse, senza scopo né oggetto.

Più i popoli avanzano in civilizzazione, più quest’ondata di passioni aumenta, poiché subentra una cosa molto triste – il gran numero di esempi che abbiamo davanti agli occhi, la moltitudine di libri che trattano dell’uomo e dei suoi sentimenti rendono abili senza aver fatto esperienza. Si è delusi senza aver goduto, rimangono dei desideri ma non si hanno più illusioni.

L’immaginazione è ricca, abbondante e meravigliosa; l’esistenza povera, arida e disincantata. Si abita con un cuore pieno un mondo vuoto e senza aver usato nulla si è abusato di tutto. L’amarezza che questo stato d’animo sparge sulla nostra vita è incredibile, il cuore si rivolta in mille modi per impiegare delle forze che sente essergli inutili…”

Da qualche giorno mi sono tornate alla mente queste parole di Chateaubriand. Eppure da anni sono sepolta nella mia quiescente routine.

Annunci

Read Full Post »

Ringrazio tutti coloro che non amo
perché non mi fanno venire il mal di testa
non mi fanno scrivere lunghe lettere
non agitano i miei sogni
non li attendo in ansia
non leggo i loro oroscopi sul giornale
non compongo il loro numero di telefono
non li penso.
Li ringrazio molto
non mi mettono in subbuglio la vita.

Dunya Mikhail (Iraq)
da: “Non ho peccato abbastanza”
Antologia di poetesse arabe contemporanee

Read Full Post »